D’estate? La frutta!

2016-07-06T20:30:18+02:00 6 Luglio 2016|Articoli|

Pesca

Finalmente è arrivata l’estate e oltre al bel tempo ritroviamo anche tutta la frutta di stagione, tra questa anche la buonissima pesca.

La pesca è dolce e succosa, è un frutto proveniente dalla Cina e ce ne sono diverse varietà. Molto ricca di vitamine (A, B1, B2, C, PP) e minerali (fosforo, potassio, magnesio, ferro, zolfo, manganese) ha proprietà depurative e drenanti. Se il frutto ha ottime proprietà invece è assolutamente da evitare il nocciolo, che per il suo contenuto in amigdalina è molto tossico. Come frutta è salutare ed aiuta ad eliminare le tossine, perché contiene un acido simile all’ acido citrico, che la rende anche utile per chi ha difficoltà digestive e disturbi di circolazione, in più ha proprietà diuretiche e aiuta in caso di calcolosi renale. Per il buon contenuto in fibre aiuta anche il transito intestinale, soprattutto se mangiata la mattina a colazione cotta al vapore. La pesca aiuta anche a limitare la traspirazione e a purificare la pelle. Ottima nelle macedonie( con limone per non farla ossidare) ma anche col prosciutto, col pesce, col formaggio fresco.

Grazie alle sua capacità di aiutare la digestione, è ottima come aperitivo: per limitare le calorie si può usare frullata con succo di mela, oppure frullata e mescolata con prosecco, se non preoccupano le calorie dell’alcol.

Può essere usata anche come una buonissima merenda dolce facendo ghiaccioli di yogurt e pesca (300gr di yogurt bianco, 80 gr di zucchero, usare il dolcificante per una versione light, 250gr di polpa di pesca: sbucciare le pesche e farle a dadini per poi frullarle con lo zucchero o il dolcificante e versare il tutto nello yogurt, mettere lo yogurt negli stampi riempiendoli a metà e aggiungere qualche lampone e finire con lo yogurt, chiudere gli stampini e tenerli nel congelatore per almeno 4 ore; per staccare bene i ghiaccioli dagli stampi, tenerli a temperatura ambiente per 4/5 minuti).

Un’altra opzione rinfrescante è usarla come bevanda fredda: preparare 1-1,5l di tè facendo bollire l’acqua e mettendo le classiche bustine in infusione. Nel frattempo lavare, sbucciare e fare a spicchi 2-3 pesche; mettere il tè in una caraffa e aggiungere le pesche, lasciare il tutto in frigorifero per almeno 4-5 ore. Il risultato è un ottimo tè freddo alla pesca, perfetto da bere nei caldi pomeriggi estivi, con in più una porzione di frutta fresca.

Anguria

L’anguria è un po’ il frutto simbolo dell’estate: ricca di sali minerali (potassio, fosforo, magnesio, calcio, ferro) e di vitamine (vit. A, vit B1, vit. B2, vit.C, vit PP), oltre che di acqua, è rinfrescante e dissetante ed offre un valido aiuto per reintegrare ciò che si perde per colpa della sudorazione, quindi contrasta la stanchezza data dall’ afa estiva. Il colore rosso è indice della presenza del licopene (come nei pomodori), sostanza con proprietà antiossidanti e attiva contro i radicali liberi, quindi aiuta a contrastare l’invecchiamento cellulare. L’anguria contiene anche carotenoidi, utili soprattutto per il sistema immunitario. Grazie a tutte queste sostanze come frutta ha effetti benefici a livello del tronco respiratorio, in particolare per l’asma, ed anche un’azione protettiva a livello epatico e del colon.

Proprio dato il suo alto contenuto in acqua (circa il 90%), Vit. C e potassio, aiuta a combattere in modo naturale la ritenzione dei liquidi, il gonfiore alle gambe e la pressione alta (grazie alla presenza della L-citrullina). Ha proprietà disintossicanti e contribuisce a mantenere un’idratazione ottimale. Tutto ciò la rende un importante alleato per combattere la cellulite.

Data la sua composizione bromatologica, è un frutto consigliato nei regimi ipocalorici, ogni 100gr di anguria contengono infatti:

-acqua 95,3 gr

-carboidrati 3,7 gr

-proteine 0,4 gr

-fibre 0,2 gr

-grassi assenti

Con un apporto calorico di circa 16Kcal ogni 100gr, ha un alto potere saziante con basso quantitativo di calorie e quindi aiuta a tenere sotto controllo il peso. In più il sapore dolce non è legato ad un alto contenuto in zuccheri ma ad un insieme di sostanze aromatiche.

Ecco una ricetta leggera e veloce:

CARPACCIO DI ANGURIA E ORATA:

Ingredienti per 4 persone:

-orata tagliata a carpaccio 600gr

-anguria 600gr

-1 limone

-1 pomodoro

-origano

-sale

-pepe

-4 cucchiai di olio extravergine di oliva

Spinare l’orata dopo averla pulita e tagliare a fettine sottili adatte al carpaccio. Prendere 600 gr di polpa di anguria e togliere i semi, per poi tagliare a fettine sottili. Lavare e tagliare a fettine sottili il pomodoro. Lavare il limone e tagliare 4 fettine sottilissime. Fare una salsa con il succo del limone avanzato (se serve aggiungere il succo di un altro mezzo limone), 4 cucchiai di olio extravergine di oliva, sale e pepe a piacere ed emulsionare bene.

Disporre su un piatto le fettine di orata, anguria e pomodoro alternandole. Condire con la salsa. Cospargere con un pizzico o due di origano e disporre sopra le 4 fettine di limone.

Dott.ssa Beatrice Margani

Ricevo su appuntamento.

Per prenotare un appuntamento, per chiedere qualche chiarimento o solo per avere più informazioni puoi chiamarmi al telefono:

Dott.ssa Beatrice Margani: 338 28.97.124
info@beatricemargani.it