Albicocche: frutta di stagione

Le albicocche si cominciano a trovare da giugno e continuano per tutta l’estate, sono il frutto del Prunus armeniaca e sono ricche di licopene e betacarotene (come tutta la frutta e la verdura dal colore arancione/rosso)

Proprietà delle albicocche

Le albicocche grazie al contenuto in carotenoidi (antiossidanti) apportano diversi benefici:

  • Ostacolano la formazione delle lipoproteine e quindi del colesterolo LDL (il cosiddetto colesterolo cattivo)
  • Il betacarotene è invece un prezioso alleato di pelle e occhi, la natura è meravigliosa: questi frutti sono estivi, proprio il periodo dell’anno in cui la pelle ha bisogno di protezione dai raggi UV.
  • Dato l’alto contenuto di fibre (3 albicocche apportano circa 3 gr equivalenti al 12% del fabbisogno giornaliero) sono utili per la motilità intestinale e per tenere sotto controlli i livelli della glicemia (zuccheri nel sangue) e sono indicate nelle diete ipocaloriche per tenere sotto controllo l’appetito.
  • Grazie alla vitamina A e alla vitamina C hanno un potente effetto contro i radicali liberi.
  • Aiutano la fertilità perché contengono minerali fondamentali per la produzione degli ormoni sessuali
  • Le catechine hanno effetto antinfiammatorio

Per assumere tutti i nutrienti in modo ottimale, le albicocche vanno mangiate quando sono ancora sode e non troppo mature, è il momento in cui ne sono più ricche, vanno inoltre conservate al fresco e separate da altri alimenti perché assorbono gli odori

Valori nutrizionali

100gr di albicocche apportano 28 kcal e contengono:

  • Calcio 13 mg
  • Colesterolo 0 mg
  • Ferro 0,4 mg
  • Fibra alimentare 2 g
  • Glucidi 11 g
  • Lipidi 0,4 g
  • Magnesio 10 mg
  • Potassio 259 mg
  • Proteine 1,4 g
  • Sodio 1 mg
  • Vitamina A 1.926 IU
  • Vitamina C 10 mg
  • Zucchero 9 g

Albicocche: controindicazioni

Se consumate in eccesso, le albicocche possono avere un effetto lassativo.

Le albicocche sono controindicate solo in caso di allergia alimentare o in caso di allergia alle graminacee e alle betulle ci può essere allergia crociata.